CHE PRATO al via la seconda fase

Data:
26 Ottobre 2023

CHE PRATO al via la seconda fase

Prato, 26 ottobre 2023 – “Che Prato! Più raccolta differenziata, più decoro” arriva nei grandi condomini con criticità. Dopo la prima fase, che si è concentrata fra luglio e settembre sui problemi causati dalla movida in centro storico, il progetto di comunicazione e sensibilizzazione ideato dal Comune di Prato e da Alia Multiutility Toscana per promuovere il decoro urbano, contrastare gli abbandoni di rifiuti e migliorare la qualità della raccolta differenziata si sposta adesso in circa 100 grandi condomini che hanno evidenziato varie criticità nella gestione e nel conferimento dei rifiuti.

Utile quindi, grazie alla collaborazione dei vari amministratori di condominio e referenti di scala, incontrare i residenti per approfondire alcuni temi e per spiegare le modalità corrette per effettuare una raccolta differenziata di qualità, la corretta gestione dei rifiuti ingombranti e le modalità per iscriversi alla Tari. In ognuno di questi condomini, già a partire da questa settimana, verranno condotte attività di comunicazione e informazione puntuale a domicilio, multilingue, anche con il supporto di mediatori linguistici.

Verranno installati, nelle zone comuni e nelle bacheche, dei cartelloni informativi, tradotti anche in cinese e urdu, su modalità, tempi e giorni di esposizione e verranno fornite informazioni sull’iscrizione alla Tari e su tutti i servizi gratuiti forniti da Alia. Informazioni che saranno veicolate anche tramite appositi video tradotti nelle lingue delle principali etnie presenti in città e visualizzabili in ogni momento scannerizzando i QR-Code presenti sulle targhe che verranno affisse nei vari condomini. 

Per realizzare questi contenuti informativi Alia ha deciso di avvalersi di una modalità innovativa, realizzando 11 pillole video multilingua, in italiano, cinese e urdu, tramite intelligenza artificiale con le mascotte del progetto, Leo e Mei, che si rivolgono direttamente agli utenti, per dar loro consigli e indicazioni sulla raccolta differenziata, su come iscriversi alla Tari e sui servizi forniti da Alia.

Verranno inoltre verificate la qualità delle raccolta differenziata, le modalità e le abitudini di esposizione dei rifiuti del condominio ed eventuali irregolarità verranno segnalate tramite appositi cartellini multilingua, rossi per errori gravi, gialli per errori più lievi, che verranno attaccati sui contenitori.   

Terminati gli incontri di informazione e sensibilizzazione, i condomini più problematici saranno anche oggetto di successivi controlli e verifiche da parte degli Ispettori Ambientali di Alia, in sinergia con il progetto “Che Prato!”,  grazie ai vari progetti attivi che già li vedono impegnati sul territorio pratese in via esclusiva o in collaborazione con la polizia municipale, con Sori e col personale dell’ufficio immigrazione del Comune, per i controlli d’ufficio sulle iscrizioni Tari e sulla situazione dei pagamenti e per i pattugliamenti di verifica sui conferimenti.  

Conclusa questa seconda fase, le azioni multilingue di sensibilizzazione e comunicazione di ‘Che Prato!’ arriveranno anche nel Macrolotto Zero, dove troppo spesso persiste la cattiva abitudine di esporre i rifiuti senza rispettare l’orario previsto dai passaggi di raccolta e dove alcune aree sono ancora oggetto di frequenti abbandoni. 

La prima fase del progetto in centro storico, invece, come detto si è già conclusa. Venti le serate di sensibilizzazione e informazione, andate in scena tra luglio e settembre, con più di 500 interviste somministrate ai frequentatori della movida.  Sono stati inoltre posizionati 105 nuovi cestini bi-frazione per multi materiale leggero e rifiuti indifferenziati; sono state affisse 250 locandine nelle attività commerciali e circa 350 manifesti da luglio a ottobre.

Sono inoltre attivi i profili social di ‘Che Prato!’ su Facebook e Instagram. Hanno aderito come social partner del progetto: Confcommercio Pistoia e Prato, Confesercenti Prato, Confartigianato Imprese Prato e Cna Toscana Centro. I soggetti interessati a diventare social partner possono scaricare la lettera di adesione dal sito www.cheprato.info e rinviarla firmata a scrivi@cheprato.info

Ultimo aggiornamento

8 Febbraio 2024, 14:50